Ciao

Dopo 25 anni di onorata attività, l'Oste è stanco.
L'Osteria della Miseria chiude.
In questi anni l'attività è stata grande.
Abbiamo affrontato le tendenze, anticipandole.
Abbiamo avuto alcuni grandissimi Chef, che hanno ottenuto i più ambiti riconoscimenti nel settore della ristorazione.
Abbiamo portato il jazz nel parco del San Bartolo.
Abbiamo accolto nuovi autori e gruppi.
Abbiamo dato spazio all'arte, con una lunghissima serie di mostre.
Abbiamo avuto una cantina con quasi 1000 referenze quando la media dei locali aveva, come si suol dire, quattro vini in croce.
Abbiamo bevuto, mangiato, degustato, ballato, visto nascere amori, causato separazioni, fomentato gelosie, ospitato coppie clandestine.
Ci piace pensare di avere fatto tutto con una certa classe.
Ma il gioco è finito.
Per ora.